giovedì 12 ottobre 2017

DISLESSICI FAMOSI NELLA STORIA

Importanti dislessici nel Mondo



Cos'hanno i comune alcuni dei più famosi artisti, musicisti, scienziati, attori, politici, regnanti, e atleti mai esistiti nella storia? Oltre all'incommensurabile ed inestimabile contributo lasciato ai posteri, erano (o sono, per quelli ancora in vita) tutti affetti da dislessia.
Chiaramente per alcuni di questi personaggi, poiché sono morti in epoche in cui ancora non si conosceva bene questo tipo di disturbo, non vi è la certezza assoluta che possano essere stati dei dislessici, ma vi sono molte prove a supporto di tale ipotesi.


Ad ogni modo, anche se la dislessia crea difficoltà in certe aree per i bambini, gli studenti ed anche gli adulti, è frequente nei dislessici una coordinazione, un'empatia e uno spirito artistico al di sopra della media. Sembra infatti che la più grande barriera al successo sia la mancanza di fiducia in se stessi, dato il forte - a volte eccessivo - peso che si dà alla scrittura in età scolare. Le strategie di apprendimento devono quindi essere diverse rispetto a quelle classiche.  Con un aiuto adeguato una persona dislessica può vivere una vita e una carriera molto soddisfacente anche in aree come la scrittura o la recitazione.
Di seguito riportiamo una lista dei più famosi dislessici (o presunti tali) della storia di tutti i tempi:


  • Hans Christian Andersen - scrittore e poeta danese;
  • Anthony Andrews - attore inglese;
  • Jennifer Aniston - attrice;
  • Louise Arnold - autore inglese;
  • Michael "ateria" Attree - scrittore inglese satirico e comico;
  • Geoff Barrow - musicista inglese;
  • Beatrice di York - membro della famiglia reale britannica (sesta linea di successione al trono);
  • Ludwig van Beethoven - pianista e compositore tedesco;
  • Harry Belafonte - musicista, attore e attivista dei diritti civili statunitense;
  • Alexander Graham Bell - inventore e scienziato;
  • Michael Bennet - Senatore degli Stati Uniti (Colorado);
  • Robert Benton - sceneggiatore e regista;
  • Roberto Bolaño - romanziere e poeta cileno;
  • Orlando Bloom - attore;
  • Napoleone Bonaparte - politico e militare francese, fondatore del primo Impero di Francia;
  • Jeremy Bonderman - giocatore di baseball;
  • Lara Flynn Boyle - attrice americana;
  • Marlon Brando - attore e regista statunitense;
  • Richard Branson - imprenditore;
  • Chrisann Brennan - artista e autore americano;
  • Marcus Brigstocke - comico e autore satirico inglese;
  • Erin Brockovich - impiegata legale, attivista socio ambientale;
  • Michelangelo Buonarroti - scrittore, pittore, architetto e poeta italiano;
  • Neil Bush - uomo d'affari e figlio di George HW Bush;
  • Octavia Butler - autrice di fantascienza;
  • Celine Byrne - soprano;
  • Stephen J. Cannell - creatore di spettacoli;
  • Lewis Carroll - autore e matematico;
  • Enrico Caruso - tenore italiano;
  • Giulio Cesare - militare, console, dittatore, oratore e scrittore romano;
  • Winston Churchill - politico, storico e giornalista britannico;
  • Gary Cohn - COO di Goldman Sachs;
  • Charles "Pete" Conrad Jr. - astronauta e terzo uomo a camminare sulla Luna;
  • Carlo XVI Gustavo - re di Svezia;
  • Dave Chalk - corrispondente di un'emittente televisiva canadese e giornalista di tecnologia;
  • John Chambers - CEO di Cisco;
  • Cher - cantante e attrice;
  • Amy Childs - modella e personaggio televisivo reality;
  • Agatha Christie - scrittrice britannica;
  • Timothy Clifford - storico dell'arte britannico;
  • Jason Conley - giocatore di basket americano;
  • Anderson Cooper - giornalista americano;
  • Tom Cruise - attore;
  • Pierre Curie - scienziata;
  • Charles Darwin - biologo e naturalista britannico;
  • Leonardo Da Vinci - pittore, inventore, personaggio poliedrico;
  • John de Lancie - attore;
  • Samuel R. Delany - autore di fantascienza e critico letterario;
  • Patrick Dempsey - attore;
  • Walt Disney - imprenditore, produttore cinematografico, regista e animatore statunitense;
  • Michael Dudikoff - attore;
  • Albert Einstein - fisico e filosofo tedesco;
  • Fae Ellington, OD - personaggio mediatico giamaicano e docente;
  • Paloma Faith - cantante, cantautrice e attrice;
  • Alexander Faludy - il più giovane studente a Cambridge (da 200 anni a questa parte);
  • Michael Faraday - scienziato;
  • Trevor Ferrell - avvocato per i senzatetto;
  • Steve Fielding - politico australiano;
  • Fannie Flagg - comica e autrice;
  • Ben Fogle - conduttore televisivo inglese;
  • Harrison Ford - attore;
  • Richard Ford - autore;
  • Noel Gallagher - musicista;
  • Paul Frappier - musicista e hip hop MC;
  • Galileo Galilei - scienziato, scrittore;
  • Whoopi Goldberg - attrice, comica, personaggio televisivo;
  • Alison Goldfarpp - musicista;
  • Terry Goodkind - scrittore americano;
  • Frank Gore- giocatore di football americano;
  • Mike Gravel - ex Senatore degli Stati Uniti (Alaska);
  • Jerry Hall - modello;
  • Susan Hampshire - attrice;
  • Salma Hayek - attrice;
  • Mark Henry - wrestler professionista;
  • John Hickenlooper - governatore del Colorado;
  • Dustin Hoffman - attore, regista e produttore cinematografico statunitense;
  • Jack Horner - paleontologo;
  • Anthony Hopkins - attore;
  • Victro Hugo - poeta, drammaturgo, saggista, scrittore, aforista, artista visivo, statista, politico e attivista per i diritti umani francese;
  • John Irving - romanziere;
  • Caitlyn Jenner - atleta olimpionico;
  • Steve Jobs - co-fondatore di Apple Inc.;
  • Ingvar Kamprad - industriale fondatore di IKEA;
  • Dean Kamen - inventore;
  • Rebecca Kamen - artista e scultore;
  • Paul Kanjorski - ex membro della Camera dei Rappresentanti (Pennsylvania);
  • John Fotzgerald Kennedy - politico statunitense, 35° Presidente degli USA;
  • Cath Kidston - designer e imprenditrice;
  • Mollie King - cantante e compositore;
  • Laura Kirkpatrick - modella;
  • Keira Knightley - attrice;
  • Willem Johan Kolff - medico;
  • David Koresh - capo del ramo Davidians;
  • JF Lawton - scrittore, produttore e regista;
  • Angie Le Mar - comico;
  • Peter Leitch - uomo d'affari e filantropo della Nuova Zelanda;
  • Jay Leno - talk show-man e comico;
  • Tom Lewis - golfista;
  • Kenny Logan - giocatore di rugby;
  • Greg Louganis - tuffatore olimpionico;
  • Dan Malloy - governatore del Conneticut;
  • Guglielmo Marconi - fisico, inventore, imprenditore e politico italiano;
  • James Clerk Maxwell - scienziato;
  • Mireille Mathieu - cantante francese;
  • Charlotte McKinney - modella e attrice;
  • Steve McQueen - artista e regista cinematografo;
  • Kendrick Meek - ex membro della camera dei Rappresentanti della Florida;
  • Mika - cantautore;
  • Alyssa Milano - attrice americana;
  • Dorrit Moussaieff - Firts Lady d'Islanda;
  • Shlomo Moussaeiff - imprenditore di gioielli ed esperto di Bibbia;
  • Amadeus Mozart - musicista e compositore;
  • Don Mullan -  scrittore irlandese, produttore e umanitario;
  • Jaime Murray - attrice inglese;
  • Róisín Murphy - cantante irlandese;
  • Isaac Newton - matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo e alchimista inglese;
  • Paul Oakenfold - produttore discografico e trance DJ;
  • Olav V di Norvegia - re della Norvegia dal 1957 al 1991;
  • Jamie Oliver - chef e conduttore televisivo;
  • Paul Orfalea - fondatore di FedEx Kinko;
  • Ozzy Osbourne - musicista;
  • Brendan O'Carroll - attore irlandese;
  • Diamond Dallas Page - lottatore professionista, attore e autore;
  • Theo Paphitis - uomo d'affari;
  • Louis Pasteur - chimico, biologo e microbiologo francese;
  • Pablo Picasso - pittore, scultore e artista;
  • Ferdinand Karl Piëch - magnate austriaco;
  • Daniel Powter - cantante e compositore;
  • Hal Prewitt - artista, fotografo e imprenditore;
  • Scott Quinnell - giocatore di rugby;
  • Bodo Ramelow - ministro presidente della Turingia;
  • Robert Rauschenberg - artista americano;
  • Kenau Reeves - attore;
  • Nicolas Winding Refn - regista
  • Iwan Rheon - attore gallese e cantante;
  • Guy Ritchie - regista;
  • David Rockefeller - uomo d'affari e filantropo americano;
  • Richard Rogers - architetto;
  • Louis Rosenberg - imprenditore americano, autore, sceneggiatore, inventore e professore;
  • Lee Ryan - cantante e compositore;
  • Rex Ryan - head coach New York Jets;
  • Raffaello Sanzio: pittore e architetto italiano;
  • Mark Schlereth - giocatore di football americano;
  • Charles Schwab - fondatore della società di brokeraggio statunitense;
  • Tim Scott - chitarrista;
  • Jo Sé - artista;
  • George Bernard Shaw - scrittore, drammaturgo, aforista, linguista e critico musicale irlandese;
  • Peter Shumlin - governatore del Vermont;
  • Bryan Singer - regista;
  • John Skoyles - neuroscienziato e psicologo evoluzionista;
  • Neil Smith - giocatore di football americano;
  • Steven Spielberg - regista;
  • Sylvester Stallone - attore, sceneggiatore, regista, produttore cinematografico e imprenditore;
  • Jackie Stewart - pilota scozzese;
  • Joss Stone - cantante;
  • Helen Taussig B. - cardiologo;
  • Pyotr Ilyich Tchaikovsky - compositore russo;
  • Tim Tebow - giocatore di football americano;
  • Nikola Tesla - scienziato e ingegnere;
  • Bella Thorne - attrice americana;
  • Kara Tointon - attrice inglese;
  • Mark Twain - scrittore, umorista, aforista e docente statunitense;
  • Vincet van Gogh - pittore olandese;
  • Jules Verne - autore francese;
  • Vittoria di Svezia - erede al trono;
  • Lindsay Wagner - attrice;
  • Butch Walker - cantante e produttore discografico;
  • Ben Way - imprenditore;
  • Bob Weir - chitarrista;
  • Florence Welch - musicista inglese;
  • Andy Warol - pittore, scultore, regista, produttore cinematografico, direttore della fotografia, attore, sceneggiatore e montatore statunitense;
  • George Washington - politico, presidente e militare statunitense;
  • Toyah Willcox - attrice e cantante;
  • Robbie Williams - cantautore, musicista e attore britannico;
  • Mark Wilkinson - mobili di design;
  • Robin Williams - attore cinematografico, comico, attore televisivo e sceneggiatore;
  • Agrifoglio Willoughby - presentatore televisivo;
  • Henry Winkler - attore portavoce della Fondazione dislessia;
  • Joshua Wong Chi-fung - attivista e manifestante di Hong Kong;
  • Fratelli Wright (Wilbur e Orville) - ingegneri, inventori e aviatori statunitensi;
  • Lee Kuan Yew - Primo Ministro di Singapore;
  • Benjamin Zephaniah - poeta;
  • Emile Zola - scrittore, giornalista, saggista, critico letterario e fotografo francese.

Fonte: Associazione Italiana  Dislessia di Pescara


lunedì 2 ottobre 2017

CATALOGNA: RAJOY NON E’ SCEMO MA PERSEGUE UN DISEGNO


Mariano Rajoy 



di GIANLUCA MARCHI

Il 1-O è ormai storia, e non solo cronaca, quello che è avvenuto in Catalogna è sotto gli occhi di tutto il mondo. E per l’opinione pubblica di tutto il mondo non può che esserci un vincitore, cioè il popolo catalano con tutta la sua dignità, il suo coraggio e la sua determinazione, e di conseguenza un perdente, vale a dire il governo nazionale del franchista Mariano Rajoy e del Partido Popular, che con la loro repressione hanno riportato la Spagna e la Catalogna indietro di cinquant’anni.

Non c’è molto altro da commentare sui fatti che abbiamo potuto seguire abbondantemente attraverso i social media. Mesi fa, in altre circostanze, avevo definito quella catalana come la madre di tutte le battaglie indipendentiste. Beh, non ci voleva poi un grande acume per capire che il passaggio del referendum sarebbe stato assai più pesante, politicamente parlando, anche per le conseguenze sulla derelitta Ue, di qualsiasi altro appuntamento già messo alle spalle, compresa la Brexit. Bontà loro i cosiddetti grandi media italici lo hanno scoperto solo in questi ultimi giorni, dopo aver ignorato per mesi, se non per anni, il clima che stava montando in Catalogna. Ma, vabbè, questo è solo un piccolo dettaglio, quasi insignificante…

Detto questo devo ammettere che per tutta la giornata mi sono chiesto come Rajoy potesse essere così scemo, politicamente parlando. Come cioè potesse insistere in un atteggiamento tanto ottuso contro le istanze del popolo catalano, ed usare il pugno di ferro di franchista memoria, regalando su un piatto d’argento la vittoria morale e politica agli odiati catalani. Avrebbe potuto far svolgere tranquillamente il referendum, riservandosi sempre di consideralo illegale, e aiutando la campagna elettorale contro l’indipendenza, molto probabilmente avrebbe portato a casa una vittoria del no, che avrebbe messo a tacere gli indipendentisti per almeno una generazione.

Perché Rajoy si è incaponito in un atteggiamento che quasi tutti gli osservatori hanno considerato un errore? La domanda me la sono ripetuta più volte, fino al tardo pomeriggio quando ho ascoltato le riflessioni di un editorialista intervenuto alla televisione pubblica catalana, che mi ha rafforzato in un sospetto che già da qualche tempo mi era sorto.

Mariano Rajoy, ordinando alla Guardia Civil di intervenire nel modo che ieri tutto il mondo ha potuto vedere, non ha commesso un errore, ma ha perseguito una sua idea ben precisa. Che è folle a questo punto, ma resta la sua idea. Lui se ne frega in tutto e per tutto dei catalani, a cominciare dal Partito Popular catalano, che poi vale un misero 8 per cento del voto territoriale. Lui è e vuole continuare a essere il nemico giurato della Catalogna e in questo è convinto di ottenere un dividendo politico crescente in tutto il resto della Spagna, dove i catalani, bisogna ammetterlo, non godono di grande simpatia.

Il suo ragionamento è molto semplice: tengo la Catalogna sotto il tacco, e il resto della Spagna, applaudendomi per questo, mi assicura la maggioranza necessaria a continuare a essere il presidente del governo. Se invece salto io, salta tutto per aria e la Spagna non può permetterselo.

Lo schema è lineare, quasi elementare, estremamente cinico e anche un po’ folle, ma fin qui tutto sommato ha funzionato. Adesso, però,  dopo lo spettacolo di ieri, la speranza è che qualcosa nel meccanismo si sia inceppato. Quella eccessiva violenza contro la pacifica gente catalana potrebbe aver aperto una crepa nella società spagnola che finora ha sostenuto Rajoy. Le manifestazione a favore del popolo catalano indette ieri sera in diverse città spagnole, a cominciare da Madrid, potrebbero essere i primi segnali di un distacco da Rajoy. E una riflessione sul loro appoggio al governo (appoggio necessario ad approvare il bilancio) in qualche modo dovranno cominciare a farlo anche i nazionalisti baschi del Pnv, chiedendosi se possono continuare a tenere in vita un esecutivo che reprime le istanze di libertà di un’altra comunità territoriale.

Di certo per i catalani, anche per quelli non favorevoli all’indipendenza, il domani non potrà più essere uguale allo ieri.

Fonte: srs di Gianluca Marchi, da Miglioverde del  1 ottobre 2017


sabato 30 settembre 2017

LA DIVULGAZIONE STORICA E LO STORICO FAI DA TE.

Verona. Il   ponte di  Castelvecchio fatto saltare nel tardo pomeriggio  del 25 aprile 1945,  la storiografia ufficiale  lo pone nella sera del  24 aprile 1945.



Esistono materie che hanno ragione di essere solo se divulgate per esempio la storia. La storia (e con essa tutte le materie umanistiche), se non divulgata, è completamente autoreferenziale e inutile. La sua utilità sta nella sua capacità di spiegare il presente e i suoi problemi con una profonda visione prospettica.

Capire la storia significa capire i rapporti causa-effetto che legano il presente al passato. Per cogliere i frutti della storia, quindi, è necessario che questa sia conosciuta il più approfonditamente possibile dal maggior numero di persone possibile. Per raggiungere questo obbiettivo è fondamentale che la storia sia insegnata bene nelle scuole e sia scritta da storici competenti e non asserviti ad alcuna ideologia politica.

La situazione italiana purtroppo relega gli insegnamenti della storia a ciò che fa comodo che si sappia per dimostrare l’esistenza dello stato italiano post giacobino. Oppure la divulgazione extra scolastica viene affidata ad un'altra categoria di divulgatori (giornalisti) che sono anch’essi al soldo del governo. 



Lapide che ricorda l’inaugurazione effettuata  dal ministro della pubblica  istruzione Guido Gonnella del nuovo ponte di Castelvecchio  con la data della distruzione al 24 aprile 1945


Non mancano di certo in italia i veri ricercatori storici, ma essi rappresentano un discorso di nicchia per pochi “eletti” e i loro studi e lavori difficilmente passano alla fase della divulgazione.
La mancanza di una divulgazione seria porta alla formazione di una categoria di divulgatori “ copia incolla” alla quale appartengo, che non hanno fatto studi specifici, ma che usano il proprio naso per fare emergere realtà storiche che altrimenti rimarrebbero ad uso e consumo di pochi.
Il risultato è che la divulgazione storica “extra-accademiche”, porta ad un inevitabile e feroce scontro fra il mondo accademico, che accusa i divulgatori di essere superficiali e scorretti scientificamente, e i divulgatori fai da te, che accusano i grandi professori di essere chiusi come una casta.
Non è un caso se in italia manca la figura di mezzo, un ibrido fra l’accademico e il divulgatore: qualcuno che sia in grado di scrivere di storia in modo corretto (come un accademico), ma utilizzando lo stile accattivante e fluido che tipico dei divulgatori.


Fonte: da Facebook di Elio Costantini del 8 settembre 2017