venerdì 21 aprile 2017

GIACOMINO DA VERONA: DE BABILONIA CIVITATE INFERNALI




Il "De Babilonia civitate infernali" è un poemetto di Giacomino da Verona nel quale l'Inferno viene descritto in modo piuttosto grossolano, ma con dovizia di particolari fantasiosi e divertenti.
L'Inferno è ammorbato da un fetore indescrivibile, che si sente a più di mille miglia di distanza; vi brulicano bisce, ramarri, rospi, serpenti, vipere, dragoni con lingue e denti taglienti più di rasoi.
Appena giunto in questo luogo, il dannato è preso in cura da diavoli cento volte più neri del carboni, i quali gli spezzano le ossa a bastonate, lo immergono prima in un'acqua gelata e poi lo mettono in un luogo di grande calura.
Dopo questi preparativi, il malcapitato è pronto per essere cucinato! Arriva Belzebù che lo mette ad arrostire come un bel porco al fuoco in un grande spiedo di ferro, per farlo cuocere, condendolo con una salsa per renderlo più appetitoso. La salsa è fatta di acqua, sale, fuliggine, vino, fiele, aceto forte e veleno. 
Ma non sempre Lucifero, re dell'Inferno, gradisce la pietanza e allora, infuriato, lo rispedisce indietro al cuoco perché non lo trova convenientemente cucinato.



Fonte: Luigi Pellini




DE BABILONIA CIVITATE INFERNALI (GIACOMINO DA VERONA)





Poemetto veronese in quartine monorime o assonanzate di alessandrini (la cui prima parte è il De Jerusalem celesti), anche il De Babilonia civitate infernali fa parte, come il Libro de le Tre Scritture di Bonvesin da la Riva, dei cosiddetti precursori della Commedia di Dante.
 Vi si ritrovano il paesaggio orrido e rupestre, le mura turrite, la sentinella (di cui è sottolineata la minacciosa capacità di rimanere sveglia in eterno).
Lo stile umile esprime una concezione ingenua dell’aldilà; la descrizione delle pene dell’inferno e delle gioie dei beati ricorre a rappresentazioni che intendono colpire l’immaginario popolare, attingendo al repertorio dei predicatori francescani che si richiama all’Apocalisse di san Giovanni e che ritroviamo nel mondo figurativo dei capitelli delle cattedrali. 

Fonte: srs di Luigi Cavalli, da Da Trecani.it





DE BABILONIA CIVITATE INFERNALI (testo)





"De Babilonia civitate infernali" l'autore si sofferma a descrivere l'Inferno come un luogo orribile e puzzolente, popolato da draghi e serpenti e dove i dannati sono continuamente tormentati dai demoni, che spezzano loro le ossa con bastoni e hanno il classico aspetto dell'iconografia medievale, con la testa cornuta e fattezze animalesche. La rappresentazione prosegue con la descrizione di Belzebù nei panni di cuoco infernale, intento a cucinare per bene un dannato e a insaporirlo per offrirlo poi come pasto al re dell'Inferno, che per tutta risposta lo trova "poco cotto" e lo rispedisce indietro.


DE BABILONIA CIVITATE INFERNALI (testo)


1- A l’onor de Cristo, segnor e re de gloria,
et a tenor de l’om cuitar voio un’ystoria,
la qual spese fïae, ki ben l’avrà in memoria,
contra falso enemigo ell’ à far gran victoria.

5- L’istorïa e questa, k’eo ve voi’ dir novella
de la cità d’inferno quant ell’ è falsa e fella,
ke Babilonia magna per nomo sì s’apella,
segundo ke li sancti ’de parla e ’de favella.

9- Mo poi ke vui entendrì lo fato e la rason,
com’ ell’ è fata dentro per ognunca canton,
forsi n’avrì trovar da Deo algun perdon
de li vostri peccai, per vera pentixon.

13- E ço k’e’ ve n’ò dir, prendìne guarda e cura,
k’ele serà parole dite soto figura,
de le quale eo ve voio ordir una scriptura
ke da leçro e da scrivro ve parà molto dura.

17- Perçò tuta fïaa en la spirital scola
l’om k’entrar ge vorà, né no starà de fora,
ben ne porà l’emprendro almen una lignola
a la soa utilitae, creço, enançi k’el mora.

21- Or començemo a leçro questa scritura nova
de la cità malegna per figura e per glosa,
e lo Dotor d’ogn’arte preg[h]em per divina ovra
k’Elo nui [‘n] questo scrito faça far bona prova.

25- Lo re de questa terra sì è quel angel re’
de Lucifèr ke diso: "En cel metrò el me’ se’,
e serò someiento a l’alto segnor De’",
dond el caçì da cel cun quanti ge çé dre’.

29- La cità è granda et alta e longa e spessa,
plena d’ogna mal e d’ognunca grameça:
li sancti tuti el diso, per fermo e per certeça,
ka ki là dentro à entrar, no ’d’ àlo ensiro en freça.

33- En l{o} profundo de inferno sì e colocaa,
de raxa e de solfero sempro sta abrasaa:
se quanta aqua è en maro entro ge fos çetaa,
encontinento ardria sì com’ cera colaa.

37- Per meço ge corro aque entorbolae,
amare plui ke fel e de venen mesclae,
d’ortig[h]e e de spine tute circundae,
agute cum’ cortegi e taient plu ke spae.

41- Sovra la cità è fato un cel reondo
d’açal e de ferro, d’andranego e de bronço,
de saxi e de monti tuta muraa d’atorno
açò k’el peccaor çamai no se’n retorno.

45- Sovra sì è una porta cun quatro guardïan,
Trifon e Macometo, Barachin e Sathàn,
li quali è tanto enoiusi e crudeli e vilan
ke dolentri quelor ke g’andarà per man.

49- Ancora su la porta sì è una tor molt alta,
su la quala sì sta una soa scaraguaita,
la qual nui’ om ke sia çamai trapassar laga
per tute le contrae, ke lì venir no’l faça.

53- E ben è fera consa e granda meraveia
k’ella no dormo mai, mo tuto ’l tempo veia,
façando dì e noito a li porter ensegna
k’igi no laxo andar la soa çento ramenga.

57- E po’ da l’altra parto sempro ge dis e cria:
"Guardai ke entro vui no regno traitoria.
Tegnì seraa la porta e ben guardaa la via,
ke de la nostra çente nexun se’n scampo via.

61- Mo ki verà a vui, com’el fos un gran conto,
encontro ge corì con molto alegro fronto,
la porta ge sia averta et abassao lo ponto,
e poi el metì en cità cun canti e cun trïumpho.

65- Mai al re Lucifèr sì lo fai asaver,
açò k’el se percaço de farge proveer
d’un tenebroso logo là o’ ’l deba çaser,
segundo k’el è degno e merito d’aver".

69- O miser si cativo, dolento, maleeto,
quelui ch’a tal onor firà là dentro meso!
De vui no voio dir, mo eo ben ge’l prometo,
k’eo no de’ lo laudar s’el no se lauda ensteso.


73- Mo ben me’l manifesta la mento e lo cor meo,
s’el no mento la leço de l’alto segnor Deo,
k’el g’à parir quel logo tanto crudel e reo
k’el no se n’à laudar a le fine de dreo.

77- K’el no serà çà dentro uncana tanto tosto
cum’ igi g’à ligar le mane e {l}i pei poi el doso,
e poi l’à presentaro a lo re de la morto,
sença remissïon batandol molto forto;

81- lo qual s’à far veniro un perfido ministro,
ke l’à metro in prexon, segundo k’el è scrito,
en un poço plui alto k’el cel n’è da l’abisso,
per esro lì tutore tormentao et aflicto.

85- La puça e sì granda ke n’exo per la boca,
ka eo volervel dir tuto seria negota,
ké l’om ke solamentre l’aproxima né ’l toca
çamai per nexun tempo non è livro d’angossa.

89- Mai no fo veçù unca per nexun tempo
logo né altra consa cotanto puçolento,
ké millo meia e plu da la longa se sento
la puça e lo fetor ke d’entro quel poço enxo.

93- Asai g’è là çó bisse, liguri, roschi e serpenti,
vipere e basalischi e dragoni mordenti:
agui plui ke rasuri taia l’ong[l]e e li denti,
e tuto ’l tempo manja e sempr’ è famolenti.

97- Lì è li demonii cun li grandi bastoni,
ke ge speça li ossi, le spalle e li galoni,
li quali è cento tanto plu nigri de carboni,
s’el no mento li diti de li sancti sermoni.

101- Tant à orribel volto quella crudel compagna,
k’el n’ave plu plaser per valle e per montagna
esro scovai de spine da Roma enfin en Spagna
enanço k’encontrarne un sol en la campagna.

105- Ked i çeta tutore, la sera e la doman,
fora per mei’ la boca crudel fogo çamban,
la testa igi à cornua e pelose le man,
et urla como luvi e baia como can.

109- Ma poi ke l’omo è lì e igi l’à en soa cura,
en un’aqua lo meto k’è de sì gran fredura
ke un dì ge par un anno, segundo la scriptura,
enanço k’eli el meta en logo de calura.

113- E quand ell’ è al caldo, al fredo el voravo esro,
tanto ge pare ’l dur, fer, forto et agresto,
dond el non è mai livro per nexun tempo adeso
de planto e de grameça e de gran pena apresso.

117- Staganto en quel tormento, sovra ge ven un cogo,
çoè Balçabù, de li peçor del logo,
ke lo meto a rostir, com’un bel porco, al fogo,
en un gran spe’ de fer per farlo tosto cosro.

211- E po’ prendo aqua e sal e caluçen e vin
e fel e fort aseo e tosego e venin
e sì ne faso un solso ke tant e bon e fin
ca ognunca cristïan sì ’n guardo el Re divin.

125- A lo re de l’inferno per gran don lo trameto,
et el lo guarda dentro e molto cria al messo:
"E’ no ge ne daria" ço diso "un figo seco,
ké la carno è crua e ’l sango è bel e fresco.           

129- Mo tornagel endreo vïaçament e tosto,
e dige a quel fel cogo k’el no me par ben coto,
e k’el lo debia metro col cavo en çó stravolto
entro quel fogo ch’ardo sempromai çorno e noito.

133- E stretament ancor dige da la mia parto
k’el no me’l mando plui, mo sempro lì lo lasso,
né no sia negligento né pegro en questo fato,
k’el sì è ben degno d’aver quel mal et altro".

137- De ço k’el g’e mandà no ge desplase ’l miga,
mai en un fogo lo meto, ch’ardo de sì fer’ guisa
ke quanta çent è al mondo ke soto lo cel viva,
no ne poria amorçar pur sol una faliva.

141- Mai no fo veçù, né mai no se verà,
sì grando né sì fer cum’ quel fogo serà:
aoro né arçento né castel né cità
non à scampar quelor k’en li peccai morà.

145- Lo fogo è sì grando, la flama e la calura,
k’el no se pò cuitar né leçros’ en scriptura;
nuio splendor el rendo, tal è la soa natura,
mo negro e puçolento e plen d’ogna soçura.

149- E sì com’ è nïento a questo teren fogo
quel k’è depento en carta né ’n mur né ’n altro logo,
così seravo questo s’el a quel fos aprovo,
de lo qual Deo ne guardo k’el no ne possa nosro.

153- E sì com’ entro l’aigua se noriso li pissi,
così fa en quel fogo li vermi malëiti,
ke a li peccaori ke fi là dentro missi
manja i ocli e la bocca, le coxe e li gariti.

157- Lì crïa li dïavoli tuti a summa testa:
"Astiça, astiça fogo, dolenti ki n’aspeta!"
Mo ben dovì saver en que mo’ se deleta
lo miser peccaor ch’atendo cotal festa.

161- L’un dïavolo cria, l’altro ge respondo,
l’altro bato ferro e l’altro cola bronço,
et altri astiça fogo et altri corro entorno
per dar al peccaor rea noito e reo çorno.

165- E a le fin de dreo sì enso un gran vilan
del profundo d’abisso, compagnon de Sathan,
de trenta passa longo, con un baston en man
per benëir scarsella al falso cristïan,

169- digando ad alta vox: "Ogn’om corra al guaagno,
k’el no porta mo ’l tempo k’algun de nui stea endarno;
e ki no g’a vegniro, segur sea del malanno,
no se’n dea meraveia s’el n’à caçir en danno".

173- Tuti li dïavoli respondo: "Sïa, sia,
quest’è bona novella, pur k’ella tosto fia.
Tu andarai enançi per esro nostra guia;
mal aia la persona ke g’à far coardia!"

177- Pur de li gran dïavoli tanti ne corro en plaça
(ké quigi da meça man no par ke se g’afaça),
crïando çascaun: "Amaça, amaça, amaça!
Çà no ge pò scampar quel fel lar falsa capa".

181- Altri prendo baìli, altri prendo rastegi,
altri stiçon de fogo, altri lançe e cortegi,
no fa gi força en scui né ’n elmi né ’n capegi,
pur k’i aba manare, çape, forke e martegi.

185- Tant’ égi crudeli e de malfar usai,
ke l’un n’aspeta l’altro de quigi malfaai:
ki enançi ge pò esro, quigi è li plu bïai,
corando como cani k’a la caça è afaitai.

189- Mo’ ben pensa’l cativo k’el volo ensir de çogo,
quand el tanti dïavoli se vé corir da provo,
ke un per meraveia no ne roman en logo,
ke no ge corra dre’ crïando: "Fogo, fogo".

193- Così façando tuti, tant è fero remor
ke pur quel sol seravo gran pena al peccaor:
se l’un diavolo è reo, l’altro è molto peçor,
e Deo abata quel ke là dentro e meior.

197- Né ’l meior né ’l peçor eo no ve ’l so decerno,
ké tuti sun dïavoli e ministri d’inferno:
altresì ben l’istà com’ igi fa l’inverno
igi tormenta l’omo en quel fogo eterno.

201- Quelor ke en quell’afar se trova li plu rei,
en meço la cità fi posti li soi sei:
tuti li altri l’aora com’igi fose dei,
staganto en çinocluni davançi li soi pei.

205- Dondo a çascaun ne prendo voia granda
de far mal quant el pò, né unca se sparagna:
perçò lo cativello duramentre se lagna,
quand’el se vé da cerca star tanta çente cagna,

209- li qual per me’ la faça orribelmentre el mira,
e man ge meto in testa et in terra lo tira;
quelor ke g’è da lunçi aprò’ esro desira,
en lei cun gran furor per complir soa ira.

213- Altri ge dà per braçi, altri ge dà per gambe,
altri ge speça li ossi cun baston e cun stang[h]e,
cun çape e cun baìli, cun manare e cunvang[h]e:
lo corpo g’emplo tuto de plag[h]e molto grande.

217- En terra quasi morto lo tapinel sì caço:
no ge val lo so plançro ke perçò igi lo lasso;
al col ge çeta un laço et un spago entro ’l naso,
e per la cità tuta batando sì lo trasso.

221- Dondo lo peccaor enlora se despera
d’aver plui perdonança da quella çento fera,
mo pena sovra pena, fogo e preson crudela
da quell’ora enanço d’aver sempre spera.

225- Perçò ge foso meio al misero cativo
esro mill’ore morto ke pur una sol vivo,
k’el no à lì parento ni proximan amigo
lo qual çoar ge possa tanto ke vaia un figo.

229- Mo tal derisïone com’e’ v’ò mo’ cuitae,
de si fa quella çente al dì spese fiae,
digando l’un a l’altro: "ô l’à ben miritae.
Aveso en la soa vita l’ovre de Deo amae!

233- Mo’ e vegnù lo tempo dond el è enganà,
en lo qual çamai plu ben no se farà,
dondo, s’el gne deso un monto d’or colà,
d’entro questo logo çamai plui n’esirà.

237- E s’el no n’à le maçe e le arme men vegnir,
de ço k’el n’à servì ben ge ’l farem païr".
Dondo comença en l’ora cun molto gran sospir
lo miser peccaor ad alta voxo dir:

241- "O miser mi cativo, dolentro e malastrù,
en cum’ crudel ministri e’ me sunt embatù!
Plasesso al Creator c’unka no fos naxù
enanço k’a tal porto quilò foso vegnù!

245- Malëeta sia l’ora, la noito, ’l dì e ’l ponto
quando la mïa mare cun me’ pare s’açonso,
et ancora quelui ke me trasso de fonto,
quand el no m’anegà, tal omo cum’ e’ sonto.

249- M’ a tal ’de sun vegnù k’eo no so ke me faça,
k’el no me par Naalo né ’Pifania né Pasca;
mo la mala ventura, quellor ke se’n percaça,
endarno s’afaìga, k’eo sol l’ò tut’ afata".

253- Mo’ molto volenter lo miser fuçiria,
mai el no pò far nïento, k’el g’è serà la via,
ke tanto l’à ’l dïavolo destreto en soa bailia
ke tuto l’or del mundo çamai no ge’l toria.

257- Mo lì se volço e gira lo miser cativello,
no trovando requia né logo bon né bello,
mo quanto g’è là dentro sì g’e mort’ e flagello
segundo k’è a la cavra la maça e lo cortello.

261- Tuti li demonii se ge conça d’entorno
cun bastoni de ferro pesanti plu de plumbo,
e tanto ge ne dona per traverso e per longo
ke mei{o} ge fos ancora a nasro en questo mondo.

265- Or toia lo cativo li figi e le muger,
li amisi e li parenti, le arme e li destrer,
li castegi e le roche k’ello lagà l’altrer,
e façase aiar, mo’ k’el’ i à gran mester.

269- Mo’ el è enganà, ço me dis lo cor meo,
s’el no mento la leço de l’alto segnor Deo,
ké san Çuano el dis, Luca, Marco e Matheo,
ke l’om ke va in inferno çamai no torna indreo.

273- De quanti n’è là dentro no pò l’un l’altro aiar,
ke çascaun ke g’è tropo à de si a far,
mo una consa voi’ dir, segundo ke me par:
ke non à voluntà de rir né de çugar.

277- Segundo k’è del prà così ne fas de si,
ke fina entro la terra serà manjà lo dì,
e poi en piçol tempo, vui ben lo cognosì,
êlla sera retorna cresuo e reverdì.

281- Tuta la maior pena ke aba quel meschin
sì e quand el se pensa ke mai el no dé aver fin
lo fogo de inferno e l’ardento camin,
en lo qual el bruxa çorno e noito e maitin.

285- Ancora en quel logo, sì com’a dir se sona,
lo fiio encontra ’l pare spese volte tençona,
digando: "El fig de Deo k’en cel porta corona
te maleìga, pare, l’anema e la persona.

289- K’enfin k’eo fui êl mondo tu no me castigasi, mai
en lo mal maior sempro me confortasi,
e poi l’or e l’arçento tu me lo concostasi,
dund eo ne sun mo’ meso en molto crudel braçi.

293- E s’eo ben me recordo, viaçament e tosto
tu sì me coreve cun gran bastoni adoso,
fosso ki ’l voleso, o per drito o per torto,
s’eo no confundeva l’amigo e ’l vesin nostro".

297- Lo pare ge respondo: "O fiiol malëeto,
per lo ben k’eo te volsi quilò sì sont’e messo;
eo n’abandonai Deo, ancora mi ensteso,
toiando le rapine, l’osure e ’l maltoleto.

301- De dì e de noto durai de gran desasi
per concostar le roche, le tore e li palasi,
li monti e le campagne e boschi e vigne e masi,
açò k’êlla toa vita tu n’avisi grand’ asii.

305- Tanto fo’l [to] penser e tanta la toa briga,
bel dolço fiiol, ke Deo te maleìga,
ke del povro de Deo çà no me’n sovegniva,
ke de famo e de seo for per le strae moriva.

309- Mo ben ne sunt eo mo’ aparuo folo e mato,
k’el no me val nïento lo plançro né ’l desbatro
k’eo no sia ben pagao de tuto per afato,
de tal guisa monea ke l’un val plu de quatro".

313- La pugna è entro lor sì granda e sì forto
com’i s’aves çurà entrambidu’ la morto,
e s’el poëso l’un a l’altro dar de morso,
el ge manjaria lo cor dentro lo corpo.

317- Le pene è sì grande de quel fogo ardento
ka, s’e’ aveso boke millo e cincocento
le quale dì e noto parlase tuto ’l tempo,
eo dir no ve’l poria, no dubitai nïento.

321- O sì çente crudela ke stai en li peccai,
como soferì quell{e} pene, perqué no ve’l pensai?
Per lo dolor d’un dento tuto ’l dì vui crïai:
com’ portarì vui quelle sempiterna mai?

325- Mo’ eo v’ò dar conseio, se prendro lo volì:
fai [la] penitencia enfin ke vui poì,
de li vostri peccati a Deo ve repentì,
e perseverando en quello le pene fuçirì;

329- ké lo mal e lo ben davanço v’è metù,
ke vui toiai pur quel lo qual ve plase plu:
lo mal conduse a morto cun quel angel perdù,
e lo ben dona vita en cel con’l bon Iesù.

333- Mai açò ke vui n’abiai li vostri cor seguri,
ke queste non è fable né diti de buffoni,
Iacomino da Verona de l’Orden de Minori
lo compillà de testo, de glose e de sermoni.

337- Mo asai avì entese de le bone raxon:
or ne preg[h]emo tuti ca quel ke fe’ ’l sermon
e vui k’entes l’avì cun gran devotïon,
ke Cristo e la Soa mare ge’n renda guiërdon.                    340





GIACOMINO DA VERONA





Giacomino da Verona (1255 - 1260 circa – ...) è stato un poeta veronese.


Appartenente all'ordine dei Frati Minori, scrisse in volgare veronese due poemetti didascalici: il De Babilonia civitate infernali e il De Jerusalem celesti. Non si è trovata traccia di lui negli Annali di Wadding: dunque non dovette prendere parte ad uffici pubblici o ad incarichi di carattere ecclesiastico all'interno dell'ordine francescano. Fu probabilmente contemporaneo di Bonvesin de la Riva, come suggerirebbe lo stesso tipo di metrica e la presenza di idee simili in ambito escatologico.

Di Giacomino da Verona sappiamo molto poco, e quel poco che è noto è direttamente tramandato da Giacomino medesimo nella penultima quartina del De Babilonia civitate infernali: "... Iacomino da Verona de l'Orden de' Minori". Era dunque un francescano vissuto nella seconda metà del XIII secolo. Come tutti gli ecclesiastici conosceva la lingua latina, anche se utilizzava il dialetto veronese stretto per poter comunicare cogli auditori, popolani in gran parte analfabeti. Con ogni probabilità utilizzava parte dei poemetti durante le prediche o nelle funzioni religiose del sabato e della domenica. Ma non è nota la chiesa in cui risiedeva.

Giacomino da Verona è autore di due poemetti didascalici: il De Babilonia civitate infernali ("Babilonia, città infernale") in 280 versi, e il De Jerusalem celesti ("La Gerusalemme celeste") di 336 versi. Con ogni probabilità i poemetti furono composti dal frate francescano durante la sua giovinezza, forse verso il 1275.

La lingua utilizzata è il volgare veronese, rozzo ma efficace per lessico e dialoghi, con figurazioni ingenuamente realistiche: descrive le gioie dei beati e le pene dei cattivi, in quanto - con ogni probabilità - i due poemetti erano diretti alla popolazione allora in gran parte analfabeta. Scritti con uno stile umile, esprimono una ingenua concezione dell'aldilà: nel primo lavoro si descrivono le pene dell'inferno, mentre nel secondo vengono messe in evidenza le gioie dei beati. In entrambi i casi si fa ricorso a rappresentazioni che intendono colpire l'immaginario popolare e che per questo attingono dalle fantasie più diffuse. Il Paradiso vien descritto come luce pura ed eterna, un luogo attraversato da canti e musiche dolci, con mura di perle, fiumi d'oro, fontane d'argento e un panorama indescrivibile che l'autore prova a "scomporre" in elementi del mondo reale; l'Inferno invece è una città di fuoco e rovi, con draghi e demoni orrendi, nel quale hanno luogo terribili torture e dove riecheggiano lamenti e urla strazianti. I due poemetti devono aver avuto una grande diffusione al tempo, tanto che alcune raffigurazioni del De Babilonia civitate infernali vennero sviluppate ed integrate da Dante Alighieri nella Divina Commedia.

La struttura di entrambi i poemetti, scritti in quartine monorime di alessandrini, deriva dalle esperienze giullaresche, mentre le immagini sono tratte dall'Apocalisse di Giovanni, dagli scritti francescani contemporanei a Giacomino da Verona, dal repertorio dei padri predicatori come Sant'Antonio di Padova, oltre che dagli scritti analoghi di Bonvesin de la Riva e Uguccione da Lodi.


Fonte: Wikipedia



mercoledì 19 aprile 2017

IL VERO NOME DI GESÙ





È probabilmente la persona più conosciuta al mondo. Parliamo di Gesù. Ma chi era davvero Gesù? Su di lui si pensa di sapere molto. Ma qual era la sua vera identità? Era un visionario?, un personaggio mitico non esistito veramente?, solo un uomo?, un profeta?, un rivoluzionario?, era Dio fattosi uomo?, era una potente creatura spirituale con una esistenza preumana?

   La Bibbia ci dice chi fu veramente questo “Gesù”. C’è molto da scoprire, ma occorre mettere da parte le nozioni religiose date per certe e indagare invece le Sacre Scritture. Si faranno allora scoperte sorprendenti. Si scoprirà – tanto per cominciare – che “Gesù” non è il suo vero nome.

   Il nome Gesù è la traslitterazione in italiano del nome greco Ỉησοῦς [Iesùs].  Il cosiddetto Nuovo Testamento fu scritto in greco (meglio sarebbe chiamare questa parte della Bibbia Scritture Greche). Il nome Iesùs è quindi la traduzione greca del suo vero nome ebraico, dato che egli era un ebreo. Sappiamo il suo nome ebraico? Sì.

   Abbiamo, per così dire, un eccezionale dizionario biblico ebraico-greco. Si tratta della versione greca del cosiddetto Vecchio testamento (meglio sarebbe chiamarlo Scritture Ebraiche) chiamata Settanta (LXX). Questa traduzione delle Scritture Ebraiche fu iniziata nel terzo secolo prima della nostra èra da una settantina di dotti ebrei; fu terminata nel secondo secolo prima della nostra èra, forse verso il 150 a. E .V.. Le citazioni che le Scritture Greche fanno delle Scritture Ebraiche sono tratte proprio da questa versione della Settanta. Gli apostoli e i discepoli del primo secolo usarono questa versione della Bibbia.

   Il nome greco Iesùs (Ỉησοῦς) si trova nella Settanta? Sì.

   Ad esempio, lo troviamo nel libro del profeta Giosuè, capitolo 1, verso 1. Il versetto dice: “Dopo la morte di Mosè, servo dell’Eterno, avvenne che l’Eterno parlò a Giosuè, figlio di Nun” (ND). “Giosuè” è la traduzione italiana del nome ebraico che la Settanta traduce in greco come Ỉησοῦς (Iesùs). E quale era il nome originale ebraico che i traduttori della Settanta tradussero con Ỉησοῦς (Iesùs)? Il nome è

יהושע (Yehoshùa)

   Abbiamo quindi Yehoshùa tradotto in greco Iesùs e in italiano Giosuè. Ma allora come si arrivò a Gesù?
L’errore fu quello di tradurre la traduzione: invece di tradurre dall’ebraico, si tradusse dal greco (tradotto a sua volta dall’ebraico) attraverso il tardo latino Iesus. Si vennero così a creare delle incoerenze: lo stesso nome (Yehoshùa) è reso in italiano sia con Giosuè che con Gesù.
Così, ad esempio, in Ebrei 4:8 (TNM) si legge: “Se Giosuè [nel testo originale greco: Ỉησοῦς, Iesùs] li avesse condotti in un luogo di riposo”, mentre – poco dopo, nello stesso capitolo! – in Ebrei 4:14 (TNM) si legge: “Gesù [nel testo originale greco: Ỉησοῦν, Iesùn, qui al caso accusativo], il figlio di Dio”. Parrebbe trattarsi di due persone con nomi diversi, ma in verità sono due persone diverse con lo stesso nome. È una vera e propria incoerenza: lo stesso identico nome viene tradotto “Giosuè” e, poco dopo – nello stesso capitolo -, “Gesù”.

   Yehoshùa (Iesùs, in greco) non era un nome particolare. Questo nome non era affatto insolito al tempo dei fatti evangelici. Lo storico ebreo Giuseppe Flavio (1° secolo della nostra era), menziona una dozzina di personaggi (non biblici) con questo nome. Il nome ricorre anche nei libri apocrifi (chiamati deuterocanonici dalla Chiesa Cattolica) ovvero quegli scritti ebraici che non entrarono a far parte del canone delle ispirate Sacre Scritture.
Nella Bibbia, il nome greco Iesùs compare, oltre che in Eb 4:8 già considerato, in Atti 7:45 riferito ancora a Giosuè, il condottiero del popolo di Israele dopo la morte di Mosè. Anche un collaboratore dell’apostolo Paolo si chiamava Iesùs (Col 4:11). C’è anche un Iesùs antenato di Cristo (Lc3:27). E altri ancora. Iesùs, dunque, è la traduzione greca di Yehoshùa.

   In ebraico il nome è perciò Yehoshùa. Se parliamo in greco lo traduciamo Iesùs, ma se parliamo in italiano lo traduciamo Giosuè.
C’è da dire però che l’uso di tradurre i nomi propri fu una pratica che non viene più attuata ai nostri giorni. Ad esempio, decenni fa si diceva Nuova York, ma ora si usa il nome originale: New York. Così, diciamo William Shakespeare e non Guglielmo. Diciamo Victor Hugo e non Vittorio. Diciamo James Joyce e non Giacomo. D’altra parte, se una persona si chiama Francesca, si volterebbe se sentisse chiamare Françoise? Allo stesso modo, una donna francese di nome Françoise non si volterebbe di certo se fosse chiamata Francesca. Meglio sarebbe chiamare ciascuno con il suo nome, quello in cui si riconosce. Comunque, in caso di traduzione, occorre tradurre dall’originale e non da una traduzione.

   Il Cristo si chiamava allora Yehoshùa?
Non esattamente. Alla sua epoca (primo secolo della nostra èra), il nome era abbreviato e pronunciato Yeshùa. Anche nelle Scritture Ebraiche troviamo il nome Yeshùa (יֵשׁוּעַ), ad esempio in Esd 2:2, dove stranamente è tradotto “Iesua”. È proprio sotto questa forma che la letteratura ebraica del suo tempo parla di lui. In questa letteratura ebraica egli è chiamato a volte anche Yeshu, che era quasi sicuramente la pronuncia galilaica del suo nome (è infatti dalla pronuncia galilaica che Pietro viene riconosciuto al momento dell’arresto di Cristo, come notato in Mt 26:73).
Il suo nome proprio, quello vero, era dunque Yeshùa (ישוע).

   “E tu lo chiamerai Iesùn [testo originale greco: Ỉησοῦν, Iesùn, qui al caso accusativo], poiché egli salverà il suo popolo” (Mt 1:21, testo greco). Nei testi ebraici J1-14,16-18,22 di Matteo compare ישוע (Yeshùa).

   Da notare è la motivazione che l’angelo di Dio adduce perché gli sia messo quel nome: “E tu lo chiamerai Yeshùa poiché egli salverà il suo popolo” (Dia). Perché quel bambino non avrebbe potuto chiamarsi – ad esempio – Beniamino o Simone o con un altro nome e salvare ugualmente il suo popolo? Doveva essere chiamato proprio Yeshùa e così salvare il suo popolo. Questo fatto, incomprensibile nella versione greca o nelle traduzioni in altre lingue, assume il suo valore pieno nel gioco di parole tutto musicale del testo ebraico:

וקראת את־שמו ישוע כי הוא יושיע את־עמו

vekarata et-shmò yeshùa ki yoshia et-amò

lo chiamerai Yèshùa poiché egli salverà il suo popolo

   Ecco allora che la seconda parte della frase (“poiché egli salverà il suo popolo”) diventa l’effettiva interpretazione del nome. Yeshùa significa infatti “Yah salverà”, essendo Yah l’abbreviazione del nome di Dio (abbreviazione che compare per la prima volta nella Bibbia in Es 15:2: “Yah [יה] è mia forza”) e shùa, derivazione di yeshuàh (ישועה) che significa “salvezza”.

   Va evidenziato qui il significato che i nomi avevano nella mentalità semitica e quindi nella Bibbia. Non è lo stesso significato che noi attribuiamo ad un nome.
Per gli ebrei il nome costituiva la realtà della persona, il suo carattere, il suo destino.
Cambiare nome ad una persona significava cambiare il suo programma di vita (così riguardo a Simone, il cui nome Yeshùa cambia in Pietro – Gv 1:42).
Questo simbolismo legato al nome si trova continuamente nella Bibbia, e ne viene data la motivazione introducendola con un “poiché” o un “perché” o un “perciò” o espressioni simili.
Ad esempio, quando Dio cambia nome ad Abramo, capostipite degli ebrei, attribuendogli il nuovo nome di Abraamo, gli viene detto: “Perché di sicuro ti farò padre [in ebraico אבabpadre] di una folla di nazioni [in ebraico עםampopolo]” (Gn 17:5, TNM).
Così in Genesi 30:6, quando Rachele dice che Dio le ha fatto giustizia concedendole un figlio, è detto: “Perciò ella lo chiamò Dan [che significa giudice]”.
E così per Lia che, concependo un figlio, dice: “Questa volta ringrazierò il Signore”; e il testo spiega: “Per questo lo chiamò Giuda [Yehudàh, che significa egli sia ringraziato]”. – Gn 29:35.

   Il nome del Cristo, il Messia, fu dunque Yeshùa. Nel nostro linguaggio moderno potremmo dire: un nome che era tutto un programma. Esso significa infatti “Yah [Dio] è salvezza”.

   Il “Gesù” che ci è stato trasmesso dalle religioni cosiddette “cristiane” ha ben poco a che vedere con l’ebreo Yeshùa. Occorre riscoprire tutta la sua vera identità, iniziando a chiamarlo col suo vero nome: Yeshùa.

   Nel caso di Yeshùa la traduzione italiana corretta sarebbe Giosuè, tuttavia questo genererebbe confusione (data l’ormai universale accettazione del nome inesatto “Gesù”); ripristinare il nome originale ebraico pare quindi la scelta corretta, tanto più che Yeshùa è proprio il nome con cui suoi contemporanei lo chiamavano.

Per una mente che ha l’orecchio abituato a nomi  come GesùPietroGiovanniSauloMatteoLucaMaria, eccetera, può sembrare surrealistico udire i nomi veri corrispondenti: Yeshùa, Kefa, Yokhanàn, Shaùl, Matài, Lukàs, Miryàm. Eppure, a ben pensarci, non è invece surrealistico evocare personaggi storici le cui vere identità sono state falsate dalle figure religiose dipinte dalla religione?


Per una mente che ha l’orecchio abituato a nomi  come 
GesùPietroGiovanniSauloMatteoLucaMaria, eccetera, può sembrare surrealistico udire i nomi veri corrispondenti: Yeshùa, Kefa, Yokhanàn, Shaùl, Matài, Lukàs, Miryàm. Eppure, a ben pensarci, non è invece surrealistico evocare personaggi storici le cui vere identità sono state falsate dalle figure religiose dipinte dalla religione?


Fonte: da Biblistica.it


venerdì 7 aprile 2017

1860: MACCHE' GARIBALDI! LA SICILIA VENNE INVASA, OCCUPATA E COLONIZZATA DAGLI ANGLO-PIEMONTESI




di M. DI MAURO, A. LATTANZIO, P. ALTIMARI, N. ZITARA*


FALSE FLAG SULL'ISOLA CONTESA


La cosiddetta Impresa dei Mille copriva la conquista coloniale anglo-piemontese delle Due Sicilie. Garibaldi fu solo uno degli attori, e manco il più importante.

Che ci fossero in mezzo anche qualche decina di siciliani, più o meno convinti, importa ancor meno. Del ruolo e della funzione di Crispi, il Macellaio di Ribera, ci occuperemo in seguito. E senza appello. Non ha alcun senso storiografico il sopravvalutare, nel bene e nel male, il ruolo di un qualunque individuo in fatti di grande portata. Nè conta men che zero il suo luogo di nascita. Dell’individuo se ne può rilevare la sola funzione accessoria al fatto storico.

Altra cosa ancora è la costruzione del mito. E il mito dell’Eroe dei Due Mondi è un caso da manuale che va affrontato con gli strumenti dell’indagine critica applicata allo Spettacolo delle Ideologie. Perfino l’Opra dei Pupi venne stravolta per far largo a Don Peppino. Ne parleremo in seguito.

Quali siano stati, nella lunga durata, gli effetti della distruzione, annessione e fagocitazione delle Due Sicilie a una entità statuale il cui baricentro politico-economico non s’è mai mosso dalla Padania… ci pare siano sotto gli occhi di tutti, e il “1860” è una Catastrofe che agisce sul Presente. Facciamo parlare i Fatti.

La cosiddetta “Impresa dei Mille” fu nient’altro che una riuscita operazione di copertura della conquista coloniale anglopiemontese delle Due Sicilie.

In termini tecnici questo tipo di operazioni si chiamano false-flag, falsa-bandiera.

Chiediamoci piuttosto perchè -dopo quasi un secolo e mezzo- sia sostanzialmente vietato raccontare nelle scuole la Verità Siciliana sui fatti del 1860.

Quanti insegnanti delle nostre scuole, per dirne solo una, sanno che l’8 maggio del 1860 Garibaldi, già mercante di schiavi, e i suoi, in navigazione verso Marsala, fecero sosta a Talamone, in Toscana: e qui si allenarono in saccheggi e violenze in attesa di imbarcare circa 2.000 finti “disertori” dell’esercito piemontese?. E’ solo un dettaglio, nè può bastare questo spazio a raccontare tutto.

Un immenso Archivio di documenti -che studiamo da anni- lo dimostra in forme scientificamente inconfutabili.

Dietro i “Mille” avanzava nell’ombra un corpo di spedizione di 22.000 militari, sostenuto dagli inglesi, e costituito da tagliagole ungheresi e… zuavi, già mercenari di Parigi nell’esportazione della civiltà nei villaggi dell’Algeria e sui monti della Kabilya; nonchè da soldati e carabinieri piemontesi, momentaneamente posti in ‘congedo’, e riarruolati come ‘volontari’ nella missione d’invasione.

Gli “inglesi” dovevano distruggere la grande flotta mercantile delle Due Sicilie, in vista dell’apertura del Canale di Suez: l’unico potenziale concorrente -dalla Cina alle Americhe- venne pugnalato alle spalle.

I “piemontesi” dovevano svuotare le ricche casse delle Banche delle Due Sicilie, per pagare i loro debiti contratti a Genova, a Londra, a Parigi.

Tutti dovevano distruggere la nascente industria delle Due Sicilie, per trasferirla in Paludania, come dice il nostro maestro Nicola Zitara.

Ma soprattutto dovevano “controllare” le 412 miniere siciliane di zolfo, il petrolio del tempo, senza il quale nè industria nè flotta militare di Sua Maestà britannica avrebbero potuto dominare il Mondo per un secolo. Ci hanno fottuti.

Bloccata la Russia al di là del Bosforo (Guerra di Crimea 1852-1856), nel 1860 la massoneria inglese muove contro le Due Sicilie i pupi piemontesi e garibaldeschi, nonchè un corpo di spedizione coloniale mercenario: ungheresi, zuavi, polacchi, indiani… assoldati e pilotati a distanza da Londra. Mentre fu la Francia a sostenere l’espansione piemontese in Padania, in funzione anti-austriaca.

Giova ricordare che l’Impero inglese, alla metà dell’Ottocento, fu impegnato in una serie di guerre contro determinati Stati: Regno delle Due Sicilie, Paraguay e gli stessi USA, che avevano deciso di seguire uno sviluppo autocentrato, sviluppando l’industria locale e rafforzando la propria agricoltura e il proprio commercio tramite l’applicazione dei dazi.

Ciò avrebbe permesso lo sviluppo economico, pur restando al di fuori dell’influenza bancario-finanziaria e, quindi, politica di Londra.

L’impero britannico reagì, a tali comportamenti, creando operazioni tipo False Flag (Falsa Bandiera): come quella dei “Mille”. E ci andò meglio che in Paraguay, dove una coalizione militare pilotata da Londra si risolse con la distruzione fisica del Paraguay e della sua popolazione maschile. Alla fine si ebbe un rapporto di otto donne per ogni uomo.

L’operazione di false flag dei garibaldeschi venne finanziata dalla massoneria inglese con una cassa di piastre d’oro turche (moneta franca nel Mediterraneo del tempo) pari a molti milioni degli attuali dollari.

Il resto lo rapinarono strada facendo, dopo esser entrati a Palermo con l’aiuto della Maffia (mafia).
Tempo dopo, il cassiere della spedizione, Ippolito Nievo, e i registri contabili, vennero fatti sparire nel nulla.

Le navi militari inglesi, “casualmente” alla fonda in Marsala, con uno stratagemma protessero lo sbarco dei “Mille”. Era l’11 Maggio 1860.

I “Mille” si trovarono la via aperta dalla corruzione mirata dei vertici militari del povero Re delle Due Sicilie, e servirono da copertura allo sbarco di un imponente Corpo di Spedizione anglo-piemontese (22.000 soldati, tra cui vere e proprie “legioni straniere” di tagliagole ungheresi e zuavi).

Basta dire che il 14 Maggio, Garibaldi e i generali borbonici Landi e Anguissola si incontrano in segreto per concordare il tradimento. Dove? A bordo di una nave ammiraglia inglese! Gli obiettivi strategici erano chiari, e può anche darsi che Garibaldi non li conoscesse. Non abbiamo mai detto che fosse una persona intelligente, nè ci interessa saperlo.
Gli obiettivi di Londra più che di Torino erano chiari:

1-distruggere, peraltro illegalmente, lo Stato sovrano delle Due Sicilie, a partire dalla sua grande flotta commerciale (la terza del Mondo), in vista dell’apertura del Canale di Suez.

2-controllare gli zolfi, che facevano della Sicilia la Miniera del Mondo: erano “i solfi siciliani” a muovere l’industria e la flotta d’Inghilterra e non solo.

3 -saccheggiare l’oro e l’argento delle Due Sicilie: prima con la rapina in piena regola, poi con la requisizione dei beni ecclesiastici -in gran parte frutto delle donazioni delle famiglie al figlio monaco- e con l’astuzia del corso forzoso, con la quale si rastrellò la grande massa monetaria metallica circolante nelle Due Sicilie in cambio di pezzi di carta con su stampata l’effigie del Re savoiardo.

Questo doveva accadere senza “dichiarare la guerra”, dunque nel caos, con la corruzione, l’ipocrisia, l’inganno. E accuddhì fu. Chi si oppose venne chiamato brigante e fucilato senza tanti complimenti. Benvenuti in Italia.

La Sicilia fu saccheggiata. Per due anni posta in “stato d’assedio” con tanto di blocco navale anglopiemontese a cui fecero seguito mirate misure “protezionistiche” che ne devastarono l’economia tutt’altro che povera. Se nella Piana di Catania venne spazzata via l’industria della canapa e del lino, perfino l’armatore palermitano Florio venne costretto a farsi cooptare dalla compagnia di navigazione del genovese Rubattino, lo stesso che fornì le navi ai garibaldeschi.

Una minoranza di isolani venne intanto cooptata nel nuovo sistema e usata contro il Popolo siciliano, dando vita, come in tutte le colonie, a uno strato sociale parassitario e collaborazionista, che può “fare carriera” purchè operando in nome e per conto di chi sfrutta la nostra Isola.

Questo schema di ingegneria sociale è antico almeno quanto la Roma imperiale. E la nostra Sicilia l’aveva “sperimentato” sulla sua pelle, dopo la sconfitta del partito indipendentista dei siculo-catalani, anche nel Cinquecento della dominazione castigliana, sebbene vi attecchì meno in profondità di quanto una storiografia pigra e neocoloniale ci abbia fatto credere.

Nè va sottovalutato quel conflitto secolare che contrappose la Sicilia e Napoli, che aveva comunque minato le fondamenta di quella costruzione statuale.

Ad ogni modo, per capire la Sicilia di oggi occorre aver chiaro cosa accadde nel 1860, perchè quel “passato” non è ancora passato. Poi parliamo del seguito. A partire dalle operazioni occulte della cosiddetta Banca Nazionale, dei Bombrini, dei Balduino, dei Sella… perchè è sulla Questione bancaria e sulla Speculazione ferroviaria, oltrechè sulle rimesse degli emigrati, che si giocarono in combinazione il decollo padano e l’affossamento definitivo delle ex-Due Sicilie, oggi chiamate Mezzogiorno: patria dei “mezzogiornali”.

Alcuni fatti. Le due famose navi piemontesi furono avvistate con “ritardo” dalle navi borboniche. Erano in servizio in quelle acque la pirocorvetta Stromboli, il brigantino Valoroso, la fregata a vela Partenope (comandata dal traditore capitano Guglielmo Acton) ed il vapore armato Capri.

Avvistarono i garibaldini la Stromboli e il Capri. Quest’ultimo era comandato dal capitano Marino Caracciolo che, volutamente, senza impedire lo sbarco, aspettò le evoluzioni delle cannoniere inglesi Argus (capitano Winnington-Inghram) e Intrepid (capitano Marryat), che erano in quel porto per proteggere i garibaldini. Solo dopo due ore il Lombardo, ormai vuoto, fu affondato a cannonate, mentre il Piemonte, arenato per permettere piú velocemente lo sbarco, venne catturato e rimorchiato inutilmente a Napoli. Roba da film tragicomico…che la RAI non produrrà mai.

A Marsala parte della popolazione si chiuse in casa, altri fuggirono nelle campagne. I garibaldini, accolti festosamente solo dagli inglesi, per prima cosa abbatterono il telegrafo, poi alcuni si accamparono nei pressi della città praticamente vuota, mentre Garibaldi, temendo la reazione popolare si rifugiò con altri nella vicina isola di Mozia. Ce lo dice il nostro Antonio Pagano. Il seguito dell’ “Impresa”, da Calatafimi in poi, è una farsa militare resa possibile dalla corruzione mirata dei vertici dello Stato delle Due Sicilie, realizzata alle spalle del suo leggittimo e ingenuo Re.

E ora dovremmo anche stare zitti e celebrare non Spartaco, ma “un Garibaldi qualunque”, come ebbe a dire, anni dopo, il vecchio Karl Marx, allorquando la massoneria inglese accolse il suo Eroe in pompa magna tra ali di folla ubriaca.

Già nel luglio 1866 cinque grandi banche londinesi, insieme al Banco di Sconto parigino, operanti in India e Cina, annunciavano che non avrebbero più trattato cambiali “che non fossero emesse a più di quattro mesi vista”. (K.Marx, Il Capitale-Il Tempo di Circolazione).

Si preparavano all’apertura del Canale di Suez che, accorciando Tempo e Spazio tra Occidente e Oriente, dischiudeva la via ai conflitti coloniali dell’Avvenire.

Di questi conflitti coloniali le nostre Due Sicilie furono le prime vittime.



Fonte: da KASA TRINAKRIA del  31 marzo 2008